Chi Siamo

cips_cinzia+gianni_2.jpg

Da dove nasce il Circolo Ippico Parco dello Stirone

Il Circolo Ippico Parco dello Stirone nasce nel 2014 dalla comune passione per il mondo equestre di Cinzia Bornaghi e Giovanni "Gianni" Romanazzi, fondatori del Circolo, e dalla loro voglia di insegnare ad altri lo stesso loro modo di amare e di prendersi cura di queste magnifiche creature.

Cresciuti negli ambienti dell'equitazione militare - il nonno di Cinzia, Colonnello dei Carabinieri presso la Caserma Perucchetti di Milano, formava i cadetti a cavallo, mentre il nonno di Gianni selezionava i cavalli per l'Esercito Italiano - hanno poi entrambi preso percorsi di vita che, in parte, li hanno allontanati dai cavalli;  poi però, come ben si sa: "certi amori non finiscono, fanno dei giri immensi e poi ritornano" (A. Venditti), e così, dopo varie esperienze personali e professionali, hanno deciso di tornare a dedicare la loro vita ai cavalli, all'insegnamento dell'equitazione, e alla promozione del turismo equestre nell'appennino parmense e piacentino.

Il concetto di "equitazione" di Cinzia e Gianni

 

Memori e orgogliosi degli insegnamenti ricevuti da giovani nelle accademie militari, Cinzia e Gianni tramandano ai loro allievi quell'impostazione e quei valori da "vecchia scuola" equestre ad oggi - purtroppo - troppo spesso dimenticati nell'interesse di un'equitazione più consumeristica.

Il concetto di "binomio" è alla base dell'insegnamento equestre di Cinzia e Gianni, inteso non come due soggetti indipendenti che svolgono una comune attività, ma come vera e propria "unione" dei due soggetti - cavallo e cavaliere - in un tutt'uno in cui ognuno si mette a servizio dell'altro per vivere un'esperienza in comune (che sia una gara, una passeggiata o un viaggio).

Perché al Circolo Ippico Parco dello Stirone il benessere del cavallo viene sempre al primo posto, indipendentemente da gare, risultati o interessi economici: perché, come ricordano sempre Cinzia e Gianni: "il cavallo è un compagno di lavoro, al quale va riconosciuto rispetto e a cui si chiede collaborazione, e non un mero strumento da utilizzare in funzione del successo personale, per poi essere accantonato quando non ce n'è più bisogno".

Titoli e abilitazioni

Come testimonia la loro invidiabile "parete dei diplomi", a Cinzia e Gianni non mancano ne l'esperienza, né tantomeno i titoli per introdurre e insegnare l'equitazione a chi vuole avvicinarsi a questo meraviglioso mondo.

Anzitutto sono entrambi artieri ippici brevettati e riconosciuti in Europa, ovvero esperti appositamente formati in tutte le attività che riguardano la cura, la doma e l'addestramento dei cavalli.

Sono poi Istruttori di Monta Inglese e Americana di primo livello Guide Equituristiche brevettate, il che li abilita ad accompagnare le persone nelle passeggiate, trekking e viaggi a cavallo nel rispetto della normativa vigente e di quanto richiesto dalle polizze assicurative.

Nella loro lunga esperienza hanno approfondito le principali discipline sia della monta inglese sia di quella americana, come ad esempio, il dressage, il salto a ostacoli, il cross country, l'endurance, il reining, lo speed barrell, etc. e ad oggi possono insegnarle e perfezionarle sia a livello base, che a livello agonistico.

Cinzia è inoltre brevettata nel'Equitazione per i Disabili (Equitabile) e svolge attività di equitazione integrata aiutando grandi e bimbi com problemi di autismo, iperattivi, sindrome di down e altre problematiche per le quali l'attività regolare e continuativa con il cavallo ha dimostrato - in molti casi - miglioramenti dal punto di vista caratteriale e cognitivo.

Gianni è un esperto maniscalco formatosi alla prestigiosa scuola dell'Ippodromo di San Rossore (PI) che, oltre a seguire personalmente i cavalli ospitati al Circolo Ippico Parco dello Stirone, ad oggi si dedica soprattutto a tenere corsi rivolti sia ai professionisti che agli appassionati e ai proprietari di cavalli che vogliono dialogare in modo consapevole con il proprio maniscalco di fiducia.

cips_parete-diplomi.jpg

Il Turismo Equestre del Circolo Ippico Parco dello Stirone

Dopo una vita ricca di soddisfazioni negli ambienti delle competizioni, Cinzia e Gianni hanno deciso di dedicarsi nello specifico all'equitazione di campagna e al turismo equestre: attività che più di tutte si presta alla divulgazione della passione per i cavalli e all'avvicinamento a questi fantastici animali.

Prima infatti di essere un "mezzo di competizione", i cavalli erano "mezzi di trasporto" che dettavano i ritmi della vita e delle relazioni: un mondo più lento e meno frenetico - le distante si misuravano in giorni, non in ore - in cui c'era più tempo per riflettere, osservare e vivere se stessi e il territorio circostante.

In sella ad un cavallo tutto ci appare diverso e noi stessi, poco a poco, cambiamo adeguandoci inconsapevolmente alla nostra cavalcatura: impariamo a guardare avanti consapevoli che a dove mettere i piedi ci pensa il cavallo; impariamo ad abbandonarci al suo dondolio e a modulare il respiro; impariamo a vivere l'istante senza la fretta di arrivare; impariamo a "sentire" il cavallo e a indirizzarlo con il pensiero prima ancora che con la mano.

E soprattutto, quando si è all'aperto, senza recinti o limitazioni, noi dipendiamo dal cavallo e il cavallo dipende da noi, in un rapporto di reciproca fiducia e complementarità: si potrebbe dire che non ci sia esperienza equestre più totalizzante.

Ecco perché Cinzia e Gianni hanno scelto di intraprendere questa strada, e per farlo hanno scelto il Parco dello Stirone: una "terra di mezzo", tra le province di Parma e Piacenza, che racchiude la bellezza e la ricchezza di tanti territori diversi: i boschi e la campagna; i paesi e gli antichi borghi; i dolci pendii collinari, le ripide salite della montagna e la pianura sconfinata; i profumi e i suoni della natura.

Un territorio poco conosciuto, e proprio per questo che merita di essere scoperto e fatto conoscere.

E far conoscere il territorio e le sue bellezze, vivendolo l'esperienza in sella ad un cavallo, ovvero in modo lento ed ecosostenibile, è la missione che si prefigge il Circolo Ippico Parco dello Stirone.